Sentiero Regina Giovanna 3 POSTI domenica 11 dicembre

 207

TUTTO COMPRESO : viaggio in bus, escursione e assistenza

DESCRIZIONE
Giunti in bus ad Sorrento attraverseremo il paese percorrendo il corso principale. Percorreremo poco meno di due km e lasceremo alle nostre spalle il centro città. Imboccheremo una via secondaria in direzione ovest lasciando la costa sulla destra. La prima salita non tarda a palesarsi. Nulla di impossibile, la pendenza è accettabile e il fondo è regolare. Raggiungeremo il primo belvedere che inizierà a darci un’idea del panorama circostante. Da qui si score un viottolo con un pendenza “simpatica” che ci porterà ancora più in alto. Cammineremo costegiando gli uliveti intervallati da pareti in tufo a tratti ricoperte da un tappeto di muschio di un verde acceso. Siamo finalmente arrivati nel territorio di Capo di Sorrento, per la precisione nella zona più interna. Il sentiero qui alterna lastricato a sanpietrini ma non va sottovalutato. La poca frequentazione, lo scarso calpestio e l’assenza di esposizione diretta ai raggi del sole fa si che i muschi crescano anche sul fondo stradale rendendolo particolarmente scivoloso. Nulla di proibitivo se dotati di scarpa da trekking. Passando da 50 a 160 metri sul livello del mare abbiamo toccato il punto più alto ma siamo solo a metà strada. Inizia adesso un piacevole tratto in discesa che attraversa le colture dei famosi Limoni di Sorrento spesso protetteda fitte reti che creano particolari giochi di luci e ombre. Riprende poco dopo un saliscendi non impegnativo, allunghiamo il passo. Superiamo una serie di vlle private per ritrovarci su fondo sterrato in terra battuta. In lontananza si sente già il rumore del mare. Ci siamo quasi ma la vegetazione continua ad occludere la visuale. Intraprendiamo un tratto delimitato da una staccionata in legno quando ad un tratto scorgiamo un buco tra la vegetazione. Ci avviciniamo ed è subito meraviglia. Uno specchio d’acqua circolare di un azzurro intenso fa bella mostra di se alla fine del dirupo. Proseguiamo con grande entusiasmo con l’intento di trovare un punto migliore di osservazione che non tarda ad arrivare. La vegetazione si dirada e la vista è totale: ci sembra quasi di essere di fronte a un cenotes messicano. Il colpo d’occhio è forte ma non sappiamo ancora esattamente con cosa abbiamo a che fare. Continuando a camminare capiamo che questa sorta di voragine ha una apertura su lato nord. Si tratta di un ponticello in pietra che forma un arco oltre ilquale si accede al mare aperto. Incuriositi ci guardiamo attorno con occhi più attenti e capiamo che effettivamente la parte alta è composta dai resti di una antica costruzione. Pochi passi ancora e grasie alla segnaletica capiamo di essere in un sito archeologico di età romana realizzato interamente su roccia. Raggiungiamo la costa e lo stupore aumenta: sulla linea dell’orizzonte del Tirreno distinguiamo il golfo di Napoli e sua maestà il Vesuvio. La curiosità va ancora saziata però: la voglia di scendere a guardare da vicino il bacino d’acqua è troppo forte. Percorriamo un tratto in discesa e poi dei gradoni e finalmente approdiamo al piccolo bagnasciuga. Sembra di essere un una enorme grotta sfondata e tapezzata a macchia di leopardo dalla vegetazione. E’ ora di rientrare: ripercorriamo parte del sentiero fatto all’andata per poi deviare su un altro tratturo che attraversa colture di diversa tipologia. Sbucheremo quindi su una bretella del sentiero che ci permetterà di rientrare al punto di partenza godedndoci prima lo spettacolo del golfo di sorrento al calar del sole. All’imbrunire attraverseremo nuovamente il centro città per poi raggiungere il nostro bus e rientrare a casa.

LEGGI ATTENTAMENTE QUANTO SEGUE
Non sottovalutare il percorso, non si tratta di una banale passeggiata. Sebbene si tratti di un trekking di livello medio-facile senza pendenze di rilievo, è indispensabile che tu tenga conto del fatto che dovrai percorrere un totale di 12 km a piedi con pendenza complessiva di 300 m.
Trattandosi di un viaggio avventura è indispensabile un’ottima capacità di adattamento, puntualità, spirito di collaborazione, buona forma fisica e tanta buona volontà (come piace dire a noi). In assenza di tali requisiti meglio lasciar stare.
SCARPE DA TREKKING OBBLIGATORIE: in assenza della scarpa indicata non autorizzeremo il partecipante ad intraprendere l’escursione.
PORTA CON TE:
– ZAINO con all’interno 1,5L di acqua, pranzo a sacco, giacca a vento, kway, occhiali da sole, cappellino con visiera. Porterai con te questo zaino durante il trekking.
– UNA BORSA A PARTE con all’interno scarpe di ricambio pulite per viaggiare in bus, giubbino, abbigliamento extra, varie ed eventuali. Lascerai sul bus questa borsa con tutto ciò che non è indispensabile durante il trekking.
– Scarpe da trekking, abbigliamento comodo e a strati.

Svuota

Descrizione

PROGRAMMA DI VIAGGIO

– 04:30 partenza da BARI via Capruzzi L.Sorrentino | MOLFETTA via Molfettesi d’Argentina 14
– 09:00 arrivo ad Sorrento segue inizio del escursione
– 16:00 orario stimato fine escursione (orario suscettibile di variazioni in base al ritmo di marcia e a varie ed eventuali)
– 16:30 rientro a Bari e Molfetta
– 21:30 arrivo stimato a Bari e Molfetta salvo variazioni

Leggi attentamente le nostre Condizioni di vendita e Regolamento di viaggio.
Orari e tappe possono quandunque subire variazioni imputabili a cause di forza maggiore o esigenze organizzative. Le eventuali variazioni saranno comunicate nei tempi e nei modi disponibili all’organizzazione.

FAQ – DOMANDE FREQUENTI

D – Posso prenotare da sola/solo? Non trovo un/una compagna/o di viaggio con cui partire.
R – Certo! La maggior parte dei nostri compagni di viaggio prenota individualmente e conosce gente nuova durante i nostri viaggi di gruppo

D – Devo portare tutto nello zaino durante l’escursione? Anche scarpe di ricambio e eventuale abbigliamento di ricambio?
R – No, no. Potrai lasciare in bus scarpe e abbigliamento di ricambio e tutto ciò che non è indispensabile durante l’uscita.

D – Cosa succede se le previsioni riportano pioggia il giorno della partenza?
R – Il pomeriggio che precede la data partenza noi dell’organizzazione e le nostre guide leggiamo le carte meteo e prendiamo una decisione. Se si tratta di pioggia debole l’escursione solitamente è confermata salvo diversa comunicazione da parte nostra. Se si tratta di precipitazioni intense rimborsiamo in primis tutti i partecipanti e se possibile inseriamo una nuova data che eventualmente il partecipante potrà prenotare.

D – Cosa accade se non posso più partire per impegni sopraggiunti?
R – In quel caso si applicano gli scaglioni riportati nelle nostre condizioni di vendita.

D – Cosa accade se non posso più partire per motivi di salute?
R – Se hai acquistato una polizza annullamento come suggerito nelle nostre CDV avrai la rispettiva copertura. Se non hai acquistato la polizza si applicano gli scaglioni riportati nelle nostre condizioni di vendita.

Informazioni aggiuntive

PARTENZA DA

, ,